Disaster Recovery: crescono le aziende che attivano servizi in Cloud


Disaster Recovery

 

Gli imprenditori sono consapevoli che un evento inaspettato può recare danno all’intera azienda. Questa attenzione, negli ultimi anni, si è rivolta ai sistemi informativi che sono diventati fondamentali per la vita aziendale, soprattutto per le aziende che lavorano a livello internazionale e forniscono servizi tramite applicazioni WEB e Mobile ai propri collaboratori e clienti.

Tuttavia, realizzare un piano di Disaster Recovery è impegnativo e richiede importanti investimenti economici.

 

Perché realizzarlo in Cloud?

  • I dati nei datacenter sono più sicuri che in azienda.
  • I tempi sono rapidi perché non richiedono allestimenti di locali idonei e l’approvvigionamento dell’infrastruttura necessaria.
  • E’ possibile suddividere l’investimento in base ai gradi di rischio partendo da soluzioni che garantiscono un “RPO” (Recovery Point Objective) al giorno precedente fino ad arrivare a poter ripristinare la situazione a qualche minuto prima.
  • I tempi di ripristino “RTO” (Recovery Time Objective) sono sicuramente più rapidi in Cloud.

 

Come procedere?

Poiché si tratta del classico progetto che storicamente è sempre stato rimandato e rischia di continuare ad esserlo, la prima cosa da fare è INIZIARE!

Un primo livello può essere implementato basandosi sulle soluzioni di Backup (Backup DR) con un RPO del giorno precedente e con un RTO che può essere rapido se si individuano i servizi con priorità maggiore.

Esistono soluzioni anche per aziende che non possono basarsi su un RPO del giorno precedente e, anche in questo caso, i tempi di implementazione sono rapidi.

 

Cosa non dimenticare?

  • Il piano di reazione (Action Plan) , il quale dev’essere essenziale per raggiungere l’obiettivo della ripartenza.
  • Le attività di implementazione e aggiornamento dell’Action Plan
  • Le simulazioni, per formare il personale su come comportarsi

 

Pragma MS, in qualità di System Integrator, è in grado di verificare la Vs. situazione , evidenziare eventuali rimedi e indicare un percorso per attivare un servizio di Disaster Recovery in base al livello necessario, al rischio di non effettuarlo e agli investimenti economici.

Il tutto è possibile gestirlo come servizio (Cloud Backup DR e DR) con il vantaggio di non effettuare investimenti e dedicare risorse per la gestione e mantenimento.

 

Share